Vuoi segnalarci un premio, un festival, un libro che ti è piaciuto? Scrivici all'indirizzo della redazione

Siamo lieti di condividere con te i contenuti di questo sito. Ti chiediamo solo di citare la fonte e la firma dell'autore.

Non percepiamo alcun compenso per le recensioni e gli altri materiali presenti su Leggi e Scrivi.

Se però acquisti un libro o un prodotto attraverso i link di affiliazione, riceveremo una piccola provvigione

che ci permetterà di migliorare ancora di più questo sito. Grazie per il tuo aiuto. 

Il fiume sono io

Alessandro Tasinato

Un ragazzino, Nino Franzin, nasce in un paese della Bassa Padovana bagnato dal fiume Fratta-Gorzone. Cresce andando a pesca e passando il suo tempo in un’area golenale, prima in compagnia di un amico poi soltanto di se stesso e della sua anima curiosa e, sin da subito, ambientalista. Qui, sulle sponde di uno dei fiumi più inquinati d’Italia, si formano la sua coscienza civile, la sua idea dell’amicizia e soprattutto dell’amore.

Ma quando lascia il paese per la città, via via che cresce accantona la sua lingua madre – il dialetto veneto – la sua gente e, fiero di far carriera, anche il fiume e il suo impegno per lui. Poi un giorno sente di aver toccato il fondo e, anche grazie ad Anna, sua moglie, e alle loro vicende personali, Nino si riscatta e noi con lui.

L’esordio narrativo del padovano Alessandro Tasinato, nato a Megliadino San Vitale, è davvero potente. La storia di Nino Franzin è tanto personale quanto universale, proprio perché ognuno di noi veneti vi si può riconoscere.

Ma soprattutto questo romanzo è un libro di denuncia, ben documentato e vero, che l’autore ha scritto molto prima che venisse alla luce il disastro ambientale che conosciamo con il nome di Pfas e che ha avuto inizio negli anni ’70.

L’autore denuncia l’inquinamento del fiume a carico dell’industria conciaria della valle del Chiampo ma non si sottrae nel dire a tutti noi che, come cittadini, ci siamo voltati dall’altra parte, non ci siamo battuti per la nostra acqua, per i nostri fiumi.

Forse adesso è venuto il tempo di farlo e ce ne siamo resi conto tutti perché “il veleno” è entrato in noi, ce l’abbiamo nel sangue.

L’abilità dell’autore però sta nel fatto che Nino, tutto questo, lo racconta al lettore con la leggerezza e l’ironia tipica dei veneti che sanno guardare il mondo con saggezza.

Nino è una voce narrante convincente, capace di far sorridere e commuovere il lettore al tempo stesso. Capace di convincere che occorre schierarsi e che la salvaguardia dell’ambiente in cui viviamo è una delle cause più giuste per le quali scendere in campo!

Germana Urbani

 

I riconoscimenti

Il fiume sono io ha vinto la 38° edizione del premio letterario Gambrinus Giuseppe Mazzotti 2018, ottenendo il premio per la sezione “Ecologia e paesaggio” e il premio finale “La voce dei lettori”.

«Straordinario ed emotivamente coinvolgente – si legge nelle motivazioni della giuria – il continuo intrecciarsi tra storia ambientale e indagine psicologica, con uno scambio anche lessicale tra uomo e natura: l’uomo che diventa e parla come fiume, pesce, animale e viceversa, con il recupero di termini dialettali e l’introduzione di efficaci neologismi».

È stato finalista alla 25° edizione del premio letterario Latisana per il Nord Est 2018 nella sezione Opera prima.

 

L’autore

Alessandro Tasinato, nato a Este nel 1974, è cresciuto a Megliadino San Vitale e oggi vive a Monselice.

Laureato in Scienze ambientali, ha svolto indagini sui cicli produttivi della chimica, del cloro, del petrolio e dei rifiuti nei grandi impianti industriali. Si è occupato di energia, fonti rinnovabili e cambiamenti climatici.

Per la Bassa Padovana è stato tra i promotori del “Parlamento” per la salvaguardia del fiume Fratta-Gorzone. Nel 2017 ha fondato I.D.E.A. – associazione senza scopo di lucro per la divulgazione dell’etica ambientale.

Il fiume sono io è il suo primo romanzo.

il fiume sono io.jpg