Vuoi segnalarci un premio, un festival, un libro che ti è piaciuto? Scrivici all'indirizzo della redazione

Siamo lieti di condividere con te i contenuti di questo sito. Ti chiediamo solo di citare la fonte e la firma dell'autore.

Non percepiamo alcun compenso per le recensioni e gli altri materiali presenti su Leggi e Scrivi.

Se però acquisti un libro o un prodotto attraverso i link di affiliazione, riceveremo una piccola provvigione

che ci permetterà di migliorare ancora di più questo sito. Grazie per il tuo aiuto. 

Bottega di narrazione

Milano

Fondata nel 2011 da Giulio Mozzi e Gabriele Dadati, la Bottega di narrazione è un corso di un anno che accompagna in tutte le fasi della produzione di un’opera letteraria. Si svolge a Milano, in zona Stazione Centrale, per un fine settimana al mese (dal sabato mattina alla domenica pomeriggio) a cui si affianca il lavoro a distanza via internet.

Come iscriversi alla Bottega e quanto costa

Per candidarsi è richiesto un “progetto narrativo”, che sia una semplice idea o un testo già in parte scritto, che sarà poi sviluppato nel corso dell’anno. Accanto al romanzo, è possibile cimentarsi anche in racconti, autobiografie, inchieste e altri generi letterari.
La Bottega accoglie una ventina di corsisti.

L’edizione 2018-19, la settima della Bottega, è iniziata a novembre e si concluderà a febbraio 2020. Il costo era di 2.000 euro, rateizzabili e con una borsa di studio di 500 euro assegnata tenendo conto dell’età e della situazione lavorativa dei candidati.
Sconti sono previsti per chi ha già preso parte ad altri corsi organizzati dalla Bottega.

 

Il programma della Bottega

Nel corso dei fine settimana si alternano lezioni frontali e lavoro di gruppo sui testi, che prosegue via internet grazie alla mailing list e a un sistema di condivisione dei testi, oltre al contatto diretto con i docenti.

Circa un quarto delle 200 ore d’aula, viene dedicata a lezioni su questioni specifiche. La gran parte del corso è di natura laboratoriale, in gruppi ristretti seguiti da un docente che approfondiscono i singoli progetti dalla definizione iniziale alla stesura.


Al termine dell’anno, le opere dei corsisti vengono presentate a editor, agenti letterari, editori nell’ultimo incontro. I docenti sono poi disponibili a seguire l’editing dei testi per essere proposti per la pubblicazione.

 

Chi ha pubblicato con la Bottega

Diverse opere nate alla Bottega hanno trovato poi la strada della pubblicazione.
 

  • Sara Loffredi ha pubblicato per Rizzoli La felicità sta in un altro posto;

  • per i tipi di Marsilio è uscito Masnago di Giovanni Fiorina;

  • Una famiglia imperfetta di Nicola D’Attilio è stato scelto da San Paolo;

  • Newton Compton ha pubblicato L’inferno avrà i tuoi occhi di Silvia Montemurro solo per citare alcuni autori.

 

Chi insegna alla Bottega

Giulio Mozzi ha pubblicato libri di narrativa con i maggiori editori italiani, è consulente editoriale e ha all’attivo diversi fortunati manuali di scrittura creativa, mondo che frequenta dai primi anni Novanta.
Assieme a Gabriele Dadati (scrittore, editore e librario) ha dato vita alla Bottega, che si è poi allargata negli anni a Demetrio Paolin, Claudia Grendene e Giorgia Tribuiani. 

 

Molti scrittori hanno insegnato alla Bottega: Mauro Covacich, Antonio Franchini, Helena Janeczek, Michela Murgia, Antonio Scurati, Alessandro Zaccuri sono solo alcuni dei nomi che si sono alternati negli anni accanto ai docenti fissi.

 

Manda una mail

Visita il sito internet