Manook Nomade copertina

Manook Nomade copertina

Bello Falsificatori copertina

Bello Falsificatori copertina

Strout Resta copertina

Strout Resta copertina

Strout kitteridge copertina

Strout kitteridge copertina

tempo-di-ricominciare

tempo-di-ricominciare

rosamund

rosamund

piuxx-donne-che-uomini

piuxx-donne-che-uomini

stoner

stoner

new-grub-street

new-grub-street

logo-fazi-editore-1024x724

logo-fazi-editore-1024x724

la-ragazza-con-la-macchina-da-scrivere

la-ragazza-con-la-macchina-da-scrivere

la-famiglia-aubrey

la-famiglia-aubrey

figlie-nuova-era

figlie-nuova-era

emma1876

emma1876

aria-di-novita

aria-di-novita

avviso-di-chiamata

avviso-di-chiamata

company-parade

company-parade

Fazi editore

Ideata nel 1994 da Elido Fazi, dopo aver lanciato una prima collana di classici la casa editrice Fazi amplia la sua offerta a partire dal 1997 con la collana di narrativa Le strade (con opere di John Fante, Gore Vidal, Elizabeth Strout solo per citare alcuni nomi) e con Le vele, dedicata alla narrativa italiana, con le firme di Rocco Fortunato, Carmine Abate, Filippo Tuena, Lorenzo Licalzi.


Gli anni Duemila sono segnati dall’esordio nella saggistica e da alcuni fortunati bestseller fra cui la saga di Twilight.
Nel 2009 Fazi porta in Italia Olive Kitteridge di Elizabeth Strout, che vince lo stesso anno il Premio Pulitzer e successivamente il Premio Bancarella e il Premio Mondello, nonché due libri italiani di grande successo: L’ultima estate di Cesarina Vighy (vincitore del Campiello opera prima e tra i 5 finalisti del Premio Strega) e Mia sorella è una foca monaca di Christian Frascella.


A febbraio del 2012 è la volta di Stoner, di John Williams, che dopo la riscoperta italiana diventerà un caso internazionale e verrà ripubblicato in oltre 30 paesi al mondo.
Tra i successi più recenti figurano Elizabeth Jane Howard, autrice della saga dei Cazalet e Paul Beatty, vincitore del Man Booker Prize 2016 con Lo schiavista.

I libri disponibili

Libri usati