Il 24 maggio 1915 l'italia entrò nella prima guerra mondiale, dopo mesi di dibattiti, scontri, emozioni.

Quel giorno chi la guerra l'aveva decisa si sentì sollevato. I vecchi alleati, ora nemici, accusarono l'italia di tradimento; I nuovi alleati sperarono di sfruttare l'apertura di un altro fronte.

Chi il conflitto l'aveva sognato festeggiava e correva ad arruolarsi; Chi l'aveva osteggiato osservava in silenzio. Le truppe passarono maldestramente il confine e iniziarono a combattere.

Ma quel 24 maggio c'era chi già combatteva un'altra guerra, in territori oltremare o sotto un'altra bandiera; Chi veniva internato in quanto suddito nemico o sospetta spia e chi vedeva la propria città sottoposta al potere militare. C'era chi organizzava comitati civici, chi scioperava, o semplicemente si occupava dei fiori.

Fu un conflitto nuovo, moderno, totale. Nelle prime 24 ore di guerra il conflitto entrò nelle case e nelle vite delle persone. Da venezia ad ancona, a bari sotto alle bombe; Dallo studio del ministro degli esteri al confine dell'allora colonia libica; Dai treni d'italiani d'austria evacuati a piazza del plebiscito sotto una pioggia di fiori; Dal commissariato di vienna al salotto di d'annunzio, al teatro manzoni di milano; Dal municipio di bologna alla piazzaforte di messina, alla stazione di volterra. Quel 24 maggio nulla poté essere (né sarebbe stato) come prima.

24 maggio 1915 - Elena Bacchin

€ 18,00Prezzo
  • INFORMAZIONI SUL PRODOTTO

    Laterza, 2019

  • INFORMAZIONI DI SPEDIZIONE

    In questo periodo di emergenza, il negozio è aperto il lunedì e giovedì mattina, ma i libri continuano a circolare (per fortuna) tutti i giorni.

    Effettuiamo consegne a domicilio a Lonigo e comuni limitrofi.

    O è possibile riceverlo per posta, scegliendo tra la spedizione come piego di libri ordinario (2 euro) o raccomandato (5 euro).

 

©2020 di leggiescrivi.it