Carlo e Antonio sono due uomini molto diversi: elettricista romano sicuro di sé e dotato della saggezza di chi sa muoversi nel mondo il primo, contadino friulano ombroso e riservato il secondo. E il 1915, anno in cui l’Italia entra in quella guerra che già da dieci mesi infuria in Europa, ed è al fronte, tra il filo spinato e i camminamenti delle trincee, che i due si conoscono.
Lì avviene il battesimo del fuoco di Antonio, appena diciassettenne, ed è proprio Carlo a prendere a cuore le sorti di quel giovanotto schivo e a insegnargli ciò che c’è da sapere sulla vita in prima linea. Così, a poco a poco, tra i due nasce un legame sincero, rafforzato dall’ideale comune di una patria da difendere e, nelle gelide notti di guardia, da racconti sulle donne, l’amore e tutte le altre cose da cui la chiamata di leva li ha strappati.
Alla fine della guerra le loro strade si dividono: a Roma, Carlo riconosce negli ideali del fascismo le sue stesse idee di onore e lealtà, mentre Antonio, tornato in Friuli temprato dall’esperienza al fronte, abbraccia l’ideale del socialismo contro le prepotenze dei proprietari terrieri. Cominciano così due storie parallele destinate a intrecciarsi con le vicende di un’Europa inquieta, divisa tra opposte visioni del mondo e lacerata dai conflitti, mentre già all’orizzonte si addensano le nubi del grande carnaio della seconda guerra mondiale.

Ma la divisa di un altro colore - Pietro Neglie

€ 7,00Prezzo
  • INFORMAZIONI SUL PRODOTTO

    Fazi, 2014

    Brossura con alette, pagine 506. Libro in ottime condizioni, presenta alcune imperfezioni alla copertina e lievi macchie al taglio.

  • INFORMAZIONI DI SPEDIZIONE

    Effettuiamo consegne a domicilio a Lonigo e comuni limitrofi.

    O è possibile riceverlo per posta, scegliendo tra la spedizione come piego di libri ordinario (2 euro) o raccomandato (5 euro).