Prigionieri del silenzio, ma anche dei gulag e delle carceri politiche del maresciallo Tito, in Jugoslavia. Le vittime erano tutti comunisti, come chi li imprigionava e li vessava.
Giampaolo Pansa ricostruisce la vita di uno di loro con puntiglio e partecipazione. Emblematica e nello stesso tempo tragica, la storia del sardo Andrea Scano ricalca quella di molti uomini generosi che, come lui, si batterono contro il fascismo e il nazismo ma, dopo la Liberazione, furono colpiti con durezza proprio dal regime che, insieme all’Urss, consideravano il più vicino.
Nel caso di Scano, l’accusa di aver nascosto armi per la tanto sospirata rivoluzione innescò una spirale perversa, che lo condusse a scontare anni di deportazione e torture all’Isola Calva, il più famigerato tra i lager di
Tito. Scampato a quell’orrore e rientrato in Italia, per ordine del Pci fu costretto a tacere sulle sofferenze patite, per il resto dei suoi anni fino alla morte.
Un racconto duro e drammatico, che come molti dei libri di Pansa - apre una porta rimasta chiusa per troppo tempo su pagine oscure e ambigue della nostra storia recente.

Prigionieri del silenzio - Giampaolo Pansa

€ 6,00Prezzo
  • INFORMAZIONI SUL PRODOTTO

    Mondolibri, 2005

    Rilegato con sovracoperta a colori. Pagine 445. Ottime condizioni, la sovracoperta presenta un piccolo strappo e altre lievissime imperfezioni

  • INFORMAZIONI DI SPEDIZIONE

    Se non puoi venire in negozio, te lo mandiamo noi.

    Spedizione come piego di libri, ordinario (2 euro) o raccomandato (5 euro) a discrezione dell’acquirente, o come pacco in modalità Poste standard delivery al costo di 9 euro. 

    Possibile consegna a mano a Padova e Monselice, Este, Montagnana, Legnago, Noventa Vicentina.

 

©2020 di leggiescrivi.it