Non si può certo dire che nel corso della sua esistenza hans magnus enzensberger si sia tirato indietro, abbia evitato, spaziando da una forma letteraria all'altra, di dire la sua su una straordinaria varietà di temi: dalla letteratura alla politica, dalla storia alla sociologia. Senza dimenticare la matematica.

Su un argomento era però stato molto prudente, per non dire latitante: sugli anni sessanta e sul ruolo da lui avuto in quella fase così ricca di suggestioni e stimoli.

Fortunamente però esistono le cantine. Nella sua, enzensberger ha infatti ritrovato - del tutto casualmente, afferma - una serie di diari e appunti redatti a partire dal 1963 quando una inaspettata e un po' misteriosa lettera proveniente dall'italia lo invitava a partecipare, con la crème dell'intellighenzia occidentale-orientale (fra cui sartre e de beauvoir, ungaretti, golding, richter, evtusenko), a un congresso di scrittori a leningrado: in piena guerra fredda, è vero, ma anche nella fase di apertura dell'unione sovietica, allora guidata da nikita chruscev che (come ci raccontano le note diaristiche) si rivelerà un padrone di casa pacioso e assai alla mano.

A quel primo soggiorno, ne seguì un altro, molto più lungo, tre anni dopo. E questo segnò l'inizio del tumulto. Dapprima privato, con l'accendersi della passione per marija aleksandrovna makarova, detta masa, che sarà la protagonista di "un travolgente romanzo russo"...

Tumulto - Hans Magnus Enzensberger

€ 19,50Prezzo
  • INFORMAZIONI SUL PRODOTTO

    Einaudi, 2016

  • INFORMAZIONI DI SPEDIZIONE

    In questo periodo di emergenza, il negozio è chiuso ma i libri continuano a circolare (per fortuna).

    Effettuiamo consegne a domicilio a Lonigo e comuni limitrofi.

    O è possibile riceverlo per posta, scegliendo tra la spedizione come piego di libri ordinario (2 euro) o raccomandato (5 euro).

 

©2020 di leggiescrivi.it